Edizione 2016
18

novembre
Quiet ensembleORE: 20:30
Museo di Santa Caterina
THE ENLIGHTENMENT
Replica ore 22:00


Un arsenale di luci amplificate darà vita al concerto: otto neon verticali al posto di otto violini, a sostituire i tamburi lampade stroboscopiche e, al posto dell’arpa, un faro teatrale che illumina il pubblico. Questo è solo un assaggio dell’orchestra diretta dai Quiet Ensemble.
Grazie a delle bobine di rame, è possibile estrapolare il suono della corrente elettrica che, attraversando il circuito fino ad arrivare al generatore (la lampada), genererà un risultato visivo e acustico. Ogni singola accensione luminosa farà scaturire un suono che verrà quindi modificato in tempo reale dai due performer.
 
18

novembre
DSTORE: 21:30
Museo di Santa Caterina
Alberto Collodel CLARINETTO SOPRANO, CONTRALTO E BASSO
Simone Di Benedetto CONTRABBASSO


Il duo lavora sull’improvvisazione libera di matrice contemporanea e jazzistica, avvalendosi dell’aiuto di schemi, partiture, strategie, segnali, giochi. Presenteranno in anteprima i materiali del disco in uscita a dicembre per l’etichetta berlinese Aut Records, ispirato al libro “Il sistema periodico” di Primo Levi.
 
19

novembre
Ciro LongobardiORE: 18:30
Ex ISRAA

Ciro Longobardi, PIANOFORTE ED ELETTRONICA


MUSICHE DI Luc Ferrari e Pierre Boulez


“Ciò che ha attirato la mia attenzione e spinto a realizzare gli Exercises d’improvisation è la grande libertà creativa concessa all’interprete, pur all’interno di confini ben definiti.” Così spiega Ciro Longobardi, uno dei più apprezzati solisti contemporanei, riguardo ai brani del pioniere della musica elettroacustica Luc Ferrari (1929-2005).
Il musicista è invitato infatti ad improvvisare sulle basi elettroniche preparate dal compositore. Una ricerca di immaginazione che, come disse Ferrari, il rigore della partitura ha spesso limitato nell’interprete. Chiudono il programma le Notations di Pierre Boulez.
 

19

novembre
Von TeslaORE: 20:00
Ex ISRAA

Von Tesla, SYNTH


Von Tesla è un progetto basato sulla ricerca e la decostruzione di sequenze sintetiche, sostenute da texture di scuri beats asincroni, suoni acidi, loop ipnotici e profondi echi di paesaggi distorti.
Nel 2011 esce il primo lavoro Mondo Parallel in edizione limitata e presentato in versione digitale in free download con un djset live in streaming lungo tutta la notte. A poca distanza esce su nastro Black Mirror per Tulip Records, Raised by clear acid per Boring Machines, Providing Needles e Farewell is a building per la techno label Enklav.
Di recente è stato ospite dei più importanti festival italiani di musica elettronica come NODE Festival, Flussi e roBOt Festival.
Ha lavorato per la Galleria degli Uffizi, Ferrari, Hugo Boss, McLaren e molti altri clienti in Europa, Hong Kong e Brasile collaborando come sound designer con Roberto Fazio (creative director, interaction e visual designer) e Apparati Effimeri (collettivo di video mapping).
 

25

novembre
Ex ISRAA

Simone Beneventi, PERCUSSIONI
EXTENDED WOOD


MUSICHE DI Tom Johnson, Franco Donatoni, Silvia Borzelli, Johan Svensson*, Giorgio Battistelli

Ore 18:00 Workshop con Simone Beneventi
Ore 19:45 incontro con Johan Svensson e Simone Beneventi
Ore 20:30 concerto
“Un’approfondita ricerca tra le composizioni per marimba sola fa da punto di partenza a questo progetto. Da questo nutrito corpus ho selezionato alcune opere accomunate da un’originalità di scrittura che ha portato a risultati sonori non convenzionali e certamente inattesi.
Muovendo da queste pagine ho intrapreso un percorso sia di investigazione del suono dei materiali che di creazione di installazioni organiche tra più strumenti, collaborando con alcuni maestri della lavorazione del legno e con compositori interessati a calarsi in un contesto non certo abituale, visto il limite da me posto, d’impiego di strumenti esclusivamente di legno.” S. Beneventi
 

25

novembre
Ex ISRAA

Gerardo De Pasquale, INSTALLAZIONI E DIREZIONE SONORA


MUSICHE DI Davide Mosconi, Gerardo De Pasquale

Nella sua breve vita, Davide Mosconi ha costantemente perseguito un concetto di suono che fosse sempre unico e irripetibile, come in “Musica del Paradiso” per la torre nel parco a Hiroshima o in “Opera Rotta” per il teatro La Scala.
Ma è in “Sezione Aurea / Sezione Ritmica”, per 6 dischi segnati da linee algebriche tracciate nel pentagono aureo, che questa intenzione si compie. Il risultato è una magnifica, tremenda gabbia ritmica mai replicabile.
“SGUARDO SOSPESO, Transizione” descrive in 8 minuti (il tempo che impiega un raggio solare a raggiungere la Terra) la transizione quasi impercettibile dal buio alla luce, con una dilatazione, un rallentamento inconsueto del processo di percezione-ascolto. Il componimento più che antitetico alla gabbia ritmica di Mosconi ne è complementare.
L’interesse non è più il Tempo, ma la qualità del Tempo; non più il suono ma lo spettro del colore tonale tra armoniche e rumore.
 

26

novembre
chiesa di San Gregorio

ENSEMBLE L’ARSENALE
Livia Rado SOPRANO
Ilario Morciano SAX
Igor Zobin FISARMONICA
Lorenzo Tomio CHITARRA ELETTRICA
Roberto Durante PIANOFORTE E SYNTH
Filippo Perocco DIRETTORE


MUSICHE DI Alexander Khubeev, Dmitri Kourliandski, Filippo Perocco, Stefano Pierini

L’arsenale propone 3 prime assolute ed una prima italiana.
Rizoma I di Stefano Pierini, primo brano di un ciclo di quattro composizioni dedicate ognuna ad un elemento naturale (fuoco, aria, acqua e terra), Melancholy and mystery of a street del compositore russo Alexander Khubeev ed una prima parte del Catalogo di detriti e macerie di Filippo Perocco, un progetto in progress realizzato per L’arsenale grazie al sostegno della Ernst von Siemens Music Foundation.
 

Prossimi eventi

  • Non ci sono eventi

Follow us